Il restauro della Cappella di San Giuseppe: Collegiata di Castell’Arquato

  • esterno della collegiata

    Collegiata di Castell’Arquato, provincia di Piacenza

 

Il restauro della Cappella di San Giuseppe è stato un lavoro impegnativo e complesso svolto tra il 2003 ed il 2004. La Cappella si trova all’interno della splendida Collegiata di Castell’Arquato, in provincia di Piacenza.

Un pò di Storia

La cappella di S.Giuseppe è stata costruita nel 1630, sull’area di una più antica cappella, per la cessata peste di manzoniana memoria. E’ dedicata a S.Giuseppe, Patrono del Borgo; in stile barocco a stucchi e dipinti illustranti, nella volta, la vita del Santo.

I quadri laterali, rappresentanti lo Sposalizio di Maria e la nascita del Bambin Gesù, sono opere del piacentino Giacomo Guidotti. La pala dell’Altare, la Sacra famiglia, del 1720 circa, è di un pittore romano il cui nome non è noto.

restauro - particolare- durante- la -pulitura

particolare durante la pulitura

 

Il restauro

I lavori, seguiti dalla Soprintendenza di Parma e Piacenza, sono iniziati con lo spostamento di tutte le grandi e piccole tele. Sono tre grandi dipinti e quattro piccole tele ovali. In seguito si è proceduto con il descialbo degli stucchi. Per descialbo si intende quell’operazione di rimozione delle diverse mani di tinteggiatura stese negli anni. Solitamente viene eseguito con bisturi o piccoli strumenti di metallo.

Gli Affreschi

Dopo il restauro degli stucchi si è potuto procedere al restauro degli affreschi che apparivano già da un primo esame superficiale fortemente iscuriti. La lettura degli affreschi era fortemente compromessa da uno strato spesso di ossalati, che impedivano una corretta lettura dei colori. La pulitura con soluzioni leggermente basiche, ma a ph controllato, ha permesso di rimuovere la patina scura restituendoci i colori originali.

 

 

 

Dino Molinari è un restauratore d’arte e decoratore d’interni che opera abitualmente nelle province di Piacenza, Parma e Cremona. Il suo è un mestiere complicato che necessita grande competenza; lui vi si dedica nel suo laboratorio fondato nel 1998 a Cadeo (Piacenza). Tra colori, pennelli e spatole si combinano sapientemente l'amore per la riscoperta e il ripristino delle condizioni di opere antiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *